Referendum sulla giustizia, Giovane Italia raccoglie le firme

Piazza dei Giudici - Cronaca

Il 10/04/2013 ed il 28/05/2013 il partito politico dei Radicali Italiani ha depositato presso la Corte di Cassazione 12 quesiti referendari che abbracciano una serie di punti di grande importanza ed attualità per l'attuale palcoscenico italiano. I temi toccati vanno dalla limitazione del carcere preventivo ai soli reati gravi, all'introduzione della responsabilità civile dei magistrati – che tra l'altro già fù oggetto di un referendum indetto ed approvato più di vent'anni fa - della separazione delle carriere, al rientro nelle funzioni proprie dei magistrati fuori ruolo all'abolizione dell'ergastolo . " Il problema della Giustizia in Italia – dice Antonio Tarantino Coordinatore Locale della Giovane Italia – riguarda tante imprese e soprattutto molte persone che , in via diretta o indiretta , ne vengono investite , e che chiedono una Giustizia più celere, più equa ed in definitiva più giusta. La riforma della giustizia è questione che si trascina da diversi anni e nulla è stato fatto finora dal Parlamento per porre dei correttivi ad un sistema farraginoso che non assicura il " giusto processo " , contrariamente a quanto asserito dall'art. 111 della Costituzione . Per queste ragioni il nostro movimento ha deciso di sostenere convintamente il referendum sulla Giustizia promosso da Radicali Italiani. Noi di Giovane Italia , condividendo la natura dei quesiti referendari proposti dai Radicali riteniamo le tematiche toccate non più rinviabili, né derogabili , poiché la nostra democrazia è in un momento di crisi, e diventa importante radicarla con nuove idee e attivare le sue istituzioni e i suoi istituti, al fine di superare quelle leggi criminogene che soffocano il sistema giustizia, fanno esplodere le carceri, violano diritti umani e soprattutto , in un momento storico di profonda crisi economica come quello odierno , costano miliardi di euro alla collettività. All'uopo la sede locale di Giovane Italia ha ritenuto giusto e doveroso attivare anche a Capua un'iniziativa di raccolta firme atta a sostenerli. La raccolta delle firme avverrà presso la Sala Consiliare del Comune di Capua il giorno 30/07/2013 dalle ore 09.30 alle ore 12.30. Si rende noto a chiunque volesse sostenere tali referendum di recarsi presso la Sala Consiliare munito di un valido documento di riconoscimento e del numero di tessera elettorale; la mancanza di uno di tali requisiti rende inutile la firma apposta. La nostra quindi non è una lotta per tutelare un interesse specifico, ma per difendere la Libertà e la Democrazia nel nostro Paese. Confidiamo in una accorata e nutrita partecipazione di chiunque condivida , come noi , i temi alla base dei quesiti referendari.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.