Il povero cagnolino Nico muore investito da pirati della strada

Piazza dei Giudici - Cronaca

NicoNico è comparso dal nulla nel 2010, probabilmente frutto di uno dei tanti abbandoni. E' arrivato dal ponte della Pierrel, direzione quadrivio Caputo, timido e pauroso. Da subito però è riuscito ad avere le attenzioni dei volontari della zona e di Biscotto e Pissi, due cagnoloni che vivevano e vivono tutt'ora da quelle parti. Si è cercata a lungo per lui anche l'adozione con l'intento di toglierlo dalla strada, ma niente. Qualche richiesta, poi il nulla. Intanto Nico cresceva. Era conosciuto e amato in tutta la zona che va da Parco delle Rose a Largo Giuseppe Amico, le sue due case. Era solito seguire i suoi amici umani più stretti durante le passeggiate con i loro cagnolini. A qualsiasi ora del giorno e della notte lui era presente. Nel tempo, qualcuno si è lamentato per il suo abbaiare, ma chissà se questo qualcuno ha mai capito che così facendo Nico ha sventato molti furti, soprattutto nelle ore notturne. Purtroppo parliamo delle solite persone senza coscienza e senza cuore, proprio come quelle che nella notte tra il 22 e il 23 luglio, incuranti di chi potesse esserci a quell'ora per strada, lo hanno investito e lasciato sull'asfalto. Secondo una testimonianza, due ragazzi su di un motociclo che viaggiava ad altissima velocità, in via Santa Maria Capua Vetere, direzione Capua (limite max velocità 50 km/h), lo hanno colpito in pieno nella parte posteriore e accompagnati anche dalla fortuna hanno proseguito la corsa, senza neanche perdere il controllo del veicolo. Dopo circa 100 mt i due, incuranti del povero Nico, che agonizzante giaceva sull'asfalto, si erano fermati per controllare se il motociclo avesse riportato danni, poi via come se nulla fosse accaduto. La persona che ha assistito alla scena purtroppo non è riuscita a segnare la targa del veicolo, preoccupandosi di avvertirmi subito per soccorrere il cagnolino. A nulla è servita la corsa verso la clinica veterinaria di San Nicola la strada. Nico è morto tra atroci sofferenze alle 6 di martedì mattina, lasciando nella disperazione i suoi amici umani.

Continua a crescere a dismisura il numero di animali ammazzati sulle strade, soprattutto della nostra città, dove non ci sono controlli, in particolar modo di notte, quando le stesse diventano piste di formula uno. Riflettendoci bene questo non è un problema che riguarda solo i poveri animali indifesi!

Continua a crescere la disperazione dei pochi volontari che ci sono nella nostra città, costretti a essere impegnati quasi 24/24, per salvare questi poveri esseri senzienti esattamente come noi.

Le istituzioni sono assenti e anche il senso civico e etico di gran parte della gente. Come possiamo pretendere di rispettarci a vicenda se non siamo in grado di rispettare esseri così piccoli e indifesi come gli animali? Tutti gli animali!

Vorrei ricordare che Il decreto del 9 ottobre 2012 n.217 "Regolamento di attuazione dell'articolo 177, comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, come modificato dall'articolo 31, comma 1, della legge 29 luglio 2010, n. 120, in materia di trasporto e soccorso di animali in stato di necessità", che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.289, punisce i trasgressori, quindi oltre a essere poco etico investire e non soccorrere un animale è anche contro legge.

Nico, i tuoi amici ti salutano e ti ricordano che ti hanno voluto bene e te ne vorranno sempre. Tu povera ed ennesima vittima della cattiveria e dell'indifferenza umana.

Perdonaci.

Marco, Vincenzo, Silvio, Franco, Jessica e tutte le altre persone che ti portano nel cuore.

Marco Cocco

Via Santa Maria Capua Vetere, luogo dell'incidente

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.