"Rivoluzione" commercio, scettico il consigliere Pdl Minoja

Piazza dei Giudici - Cronaca

ANTONIO MINOJAE' scettico il neoconsigliere del Pdl Antonio Minoja sugli interventi annunciati dall'amministrazione comunale per il settore del commercio ed in particolare sulla "creazione" di un centro commerciale naturale. "Temo – afferma – che quanto annunciato, ancora una volta, rimarrà solo sulla carta. Per fare un centro commerciale naturale è necessario che la stessa amministrazione abbia un proprio ruolo all'interno dell'organismo con una propria quota di partecipazione. Si tratta di una scelta importante che non può essere riguardare solo gli esercenti che, in questa fase congiunturale, stanno affrontando una grave crisi economica e non posso certamente farsi carico, da soli, di oneri e di tutte le iniziative da mettere in campo. L'amministrazione, da parte sua, vista la situazione finanziaria dell'ente, dubito che possa prendere impegni concreti e fattibili". Minoja, inoltre, sostiene che le scelte nel settore devono essere inevitabilmente prese dopo un confronto tra le parti, cosa che, oggi, non accade. "Ben venga la zona a traffico limitato e la pedonalizzazione permanente di piazza dei Giudici, provvedimenti che mi vedono, così come molti commercianti, pienamente favorevole però ho l'impressione che si stia procedendo con approssimazione. La regolamentazione del traffico non può riguardare solo il corso e piazza dei Giudici ma è necessario attuare un progetto complessivo che riguardi tutto il centro storico. Gli stessi amministratori dovrebbero inoltre garantire piena vivibilità e, soprattutto, una seria programmazione di eventi attraverso un concertazione con gli stessi commercianti. L'appello fatto dal sindaco di aprire anche la domenica va bene, così come prolungare l'orario di apertura negli altri giorni. Sono possibilità che i commercianti che operano in una città d'arte come Capua possono sfruttare. Tutto ciò però deve essere supportato da un aiuto concreto da parte dell'amministrazione, penso ad esempio alla vigilanza. Oggi si ha difficoltà a pagare lo straordinario agli agenti di polizia municipale e mi chiedo come sarà possibile garantire il controllo del territorio". L'esponente del Pd lancia anche alcune proposte. "I commercianti – afferma – sono disponibili, almeno il gran numero, a fare la propria parte nei processi che riguardano le scelte che hanno una ricaduta sul settore purché ci sia un loro coinvolgimento. L'apertura domenicale o il prolungamento dell'orario, ad esempio, visto che per i piccoli esercenti significa lavorare senza sosta sette giorni su sette, potrebbe essere "ripagato" attraverso un abbattimento delle tasse locali come la tarsu. Ma noto che la politica fin qui attuata va in controtendenza con l'aumento della tassa di occupazione del suolo pubblico e quella sulle insegne pubblicitarie". Per Minoja il settore deve riceve più attenzione da parte di chi governa la città anche attraverso nuove opportunità a supporto della categoria. "Non basta la consulta dei commercianti – afferma – se poi non si mettono in atto progetti concreti. C'è quello denominato "distretti sul web" attraverso il quale giovani e operatori commerciali possono ampliare la propria offerta attraverso internet. Oggi il commercio è profondamente cambiato e dalla rete che arrivano nuove opportunità ecco perché ritengo che l'amministrazione dovrebbe allargare la propria visione che ha sul settore".

ML

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.