Sparita la statua di Ferdinando Palasciano

Piazza dei Giudici - Cronaca

Del vecchio e glorioso ospedale "Ferdinando Palasciano" non c'è rimasto più nulla, nemmeno il busto del fondatore della Croce Rossa Italiana a cui è intitolata la struttura e l'arteria stradale antistante. Sì, perche la statua di Palasciano si è volatilizzata nel nulla, sparita. Era l'elemento principale che adornava il grande scalone che dall'ingresso porta ai piani superiore ma da ieri il piedistallo è vuoto. Che fine ha fatto? Probabilmente un furto in piena regola, messo in atto di notte. Eppure la struttura non è affatto abbandonata visto che da qualche tempo, al posto dei reparti ospedalieri, ospita il Distretto Sanitario con tutta una serie di servizi per una vasta utenza non solo di Capua ma di un territorio piuttosto vasto che abbraccia l'Agro Caleno fino al litorale. Al piano terra, invece, c'è il punto di primo soccorso, il psaut che ha sostituito il pronto soccorso da tempo soppresso. Durante le ore diurne, quindi, la strutura è frequentata da moltissimi utenti oltre che dai dipendenti dell'Azinda Sanitaria Locale e quindi, appare inverosimile che la statua sia stata rimossa senza che nessuno se ne accorgesse. Ecco perchè, sono in molti a sposare l'ipotesi che il busto sia stato asportato in piena notte. Nel caso in cui, come semba, si appurerà che si sia trattato di un furto, l'episodio suona come l'ultima beffa per l'antica struttura che, in passato, ha ospitato un presidio ospedaliero di eccellenza, gloria e vanto del territorio casertano. Un ospedale nel quale hanno prestato servizio importanti e qualificati medici e chirurgi ma che, progressivamente è andato verso il declino. Logiche politiche e questioni di tagli, già negli anni novanta hanno portato ad un ridimensionamento dell'ospedale culminato, qualche anno fa, con l'acorpamento "funzionale" con il San Giuseppe e Melorio di Santa Maria Capua Vetere. Accorpamento che, in pratica, pima ha riunito le due strutture in una unica entità e poi ridimensionato ulteriormente il "Palasciano" con la soppressione del pronto soccorso. Lo stabile è di proprietà del comune di Capua ma è concesso in uso all'Asl che, da quando sono terminate le funzioni proprie dell'ospedale (qualche mese fa è stata rimossa anche l'insegna), lo ha adibito a sede del Distretto Sanitario, dei connessi poliambulatori oltre che del psaut. Servizi, questi, che hanno permesso di tenere aperta la struttura sanitaria offrendo alla vasta utenza servizi pubblici importanti ed essenziali. Resta il rammarico, ora, per quest'ultimo episodio. Nel caso, infatti, si appurerà che c'è stato, come sembra, un furto, si tratta di un ulteriore sfregio alla struttura e, soprattutto, alla memoria di un meridionale illustre come Palasciano. Il noto medico capuano, dopo una serie di esperienze sui campi di battaglia, intervenne al Congresso Internazionale dell'Accademia Pontaniana di Napoli nel 1861, gettando così le basi per la famosa "Convenzione di Ginevra" a seguito della quale fu istituita la Croce Rossa Italiana. Fu inoltre Deputato al Parlamento per tre legislature, Senatore del Regno e Consigliere ed Assessore al Comune di Napoli. Capua, sua città natale, gli ha dedicato una strada, un ospedale e il busto. Putroppo oggi è rimasta solo la strada.

ML

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.