Ordinanze sindacali, Acage e finanze, le tre interrogazioni del consigliere Buglione

Piazza dei Giudici - Cronaca

Il consigliere comunale dell'Udc Fabio Buglione, ha reso noto di aver inviato tre interrogazioni in merito alle ordinanze sindacali sui rifiuti, sull'Acage e sul decreto 35 per le finanze dell'Ente.

 

Di seguito pubblichiamo le tre interrogazioni

 

Prima interrogazione

Premesso

1) Che l'art. 54 del TUEL disciplina i presupposti giuridici e fattuali per l'emanazione delle ordinanze sindacali;

2) Che tali presupposti consistono:

a. Nella ricorrenza di situazioni di oggettivo pericolo per la privata e/o la pubblica incolumità;

b. Nella inevitabilità del ricorso a tale rimedio straordinario sussidiario per l'accertata insufficienza, agli effetti del conseguimento del fine perseguito, dei mezzi giuridici ordinari messi a disposizione dall'ordinamento;

3) Che, come stabilito dal TAR Campania-Napoli, sez. V, con sentenza n. 4992 del 2007, "Il potere sindacale di ordinanza contingibile e urgente, richiede una verifica particolarmente rigorosa della sussistenza, nel singolo caso concreto, dei presupposti previsti dalla legge per la sua applicazione";

Considerato

a) Che da oltre tre anni l'affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani avviene, non attraverso l'espletamento di una gara pubblica, ma con ordinanza;

Si chiede di conoscere

I presupposti di fatto e giuridici sui quali si fondano le ordinanze con le quali si è proceduto all'affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani.

Si richiede risposta scritta ai sensi del vigente regolamento comunale.

Capua 15/05/2013

 

Seconda Interrogazione

 

Il sottoscritto, Fabio Buglione, capogruppo UDC, interroga le SSLL sulla tematica di seguito esposta

Premesso

1) Che in occasione del Carnevale 2013 è stata effettuata la lotteria abbinata, con oltre 100 premi in palio, tra cui un auto, un viaggio ed una moto;

2) Che tali manifestazioni sono disciplinate dal D.P.R. 430/2001, il quale prevede, all'art. 14 c. 1 che gli organizzatori della manifestazione debbano darne comunicazione al Prefetto e al Sindaco almeno trenta giorni prima;

3) Che il comma 5 dell'art. 14 stabilisce che "I comuni effettuano il controllo sul regolare svolgimento delle manifestazioni di sorte locali e sono l'autorità competente a ricevere il rapporto e a cui pervengono i proventi delle sanzioni";

4) Che ai sensi dell'art. 14 comma 8 "L'estrazione è effettuata alla presenza di un incaricato del Sindaco. Di dette operazioni è redatto processo verbale del quale una copia è inviata al Prefetto ed un'altra consegnata all'incaricato del Sindaco";

5) Che tali sanzioni, ai sensi dell'art. 124 del Regio decreto n. 1933 del 1938 consistono, in caso di effettuazione di concorsi a premio senza invio della comunicazione, in una sanzione amministrativa da 2mila a 10mila euro;

Considerato

a) Che il sig. Diego Giacobone, componente dell'ACAGE, Agenzia del Carnevale di diretta emanazione Comunale, che ha collaborato con la Pro Loco alla realizzazione del Carnevale e della Lotteria, tanto è vero che i biglietti venduti recavano, oltre al logo della pro Loco anche quello dell'ACAGE, ha denunciato gravi anomalie nello svolgimento della stessa, ed in particolare:

1) Ad oggi non risultano ancora assegnati i premi posti in palio;

2) Non vi è traccia dei biglietti invenduti in violazione dell'art. 14 c. 8 del D.P.R. 430/2001;

3) Manca ad oggi ogni forma di rendicontazione;

Tanto premesso e considerato si chiede di conoscere:

1) Se e quando è stata effettuata la comunicazione sullo svolgimento della Lotteria da parte degli organizzatori;

2) Se in occasione era presente un incaricato del Sindaco;

3) Se sono stati assegnati i premi in palio;

4) Se è stato redatto processo verbale dell'estrazione consegnato all'incaricato del Sindaco e inviato al Prefetto;

5) Se è stata presentata al Comune la rendicontazione sullo svolgimento della Lotteria [fattura di acquisto indicanti seri e numerazione dei biglietti (art. 14 c. 6 DPR 430/2001), biglietti invenduti, verbali ecc).

Ai sensi del vigente regolamento comunale, si richiede risposta scritta supportata da relativa documentazione.

Capua 15/05/2013

 

Terza interrogazione

 

Il sottoscritto, Fabio Buglione, capogruppo UDC, interroga le SSLL sulla tematica di seguito esposta

Premesso

Che in occasione di una dichiarazione rilasciata su un sito giornalistico on-line il consigliere Ricci ha dichiarato che, il ritardato pagamento degli stipendi ai dipendenti comunali è dipeso esclusivamente dal tempo impiegato dalla tesoreria per comprendere i contenuti riportati nel deliberato di adesione al Decreto 35 "il salva imprese", risolvendo di fatto l'erogazione degli stipendi per il mese di aprile;

Considerato

Che l'erogazione degli stipendi rientra nella specificità della tesoreria, senza bisogno di alcuna deliberazione preventiva da parte dell'ente, oltretutto i fondi utilizzati a ciò sono trasferimenti statali vincolati per cui la disponibilità è immediata, non si capisce, pertanto, quale sia il nesso tra l'adesione al decreto 35 e il pagamento degli stipendi, non vorremmo dire che tale ritardo si è determinato perché probabilmente si è dovuto fare ricorso ad uno storno di fondi per far fronte ad altro tipo di pagamento,

così come non vorremmo dire che per far fronte a tale pagamento, si è proceduto ad una maggiore anticipazione di cassa che da tre dodicesimi è passata a cinque dodicesimi, così come previsto nel decreto 35, ciò significherebbe un ulteriore aggravio sulle casse dell'ente visto che sull'utilizzo dell'anticipazione di cassa si pagano degli interessi alla tesoreria che vanno a gravare sulla spesa corrente, determinando un maggior restringimento dei servizi erogati

Tanto premesso e considerato si chiede di conoscere:

1) Se i fondi vincolati necessari al pagamento degli stipendi siano stati stornati per altri interventi;

2) Se per far fronte ai pagamenti degli stipendi nel mese di aprile si è ricorso alla maggiorazione dell'anticipazione di cassa;

3) Quale è la percentuale degli interessi contrattuale applicata dalla tesoreria e a quanto ammonta la somma erogata per far fronte al pagamento dei soli interessi per l'anno 2012; e quale sarà la previsione di tale spesa per l'anno 2013;

4) Come si intenderà procedere per debellare il puntuale ritardo nei pagamenti degli stipendi ai dipendenti , considerato che il sistematico ritardo che si sta verificando può provocare serie difficoltà , non solo a tutta la categoria dei lavoratori dell'ente, ma con particolare riferimento a chi è monoreddito.

Ai sensi del vigente regolamento comunale, si richiede risposta scritta supportata da relativa documentazione.

ML

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.