La conferenza stampa -Romano a tutto campo dal gassificatore ai finanziamenti regionali per la città

Piazza dei Giudici - Cronaca

romano_paolo.jpgIl progetto dei lavori di messa in sicurezza del "ponte romano" sul fiume Volturno, è stato finanziato dalla regione Campania. "E' stato firmato il decreto – afferma il presidente del consiglio regionale Paolo Romano – con il quale l'ente regionale ha erogato la prima trance di un finanziamento di 1 milione e 200 mila euro". Nelle casse comunali sono in arrivo 600 mila euro che serviranno per approntare la gara di appalto, mentre la restante parte sarà accreditata successivamente. "Spetta ora al comune di Capua procedere con l'iter burocratico relativo alla gara di appalto, la regione – afferma - ha completato quanto era di sua competenza". I lavori serviranno per rimettere in sesto il ponte che negli ultimi anni, a causa di una serie di criticità, è stato precluso al passaggio dei mezzi pesanti. "Questo – afferma Romano – ha accentuato l'isolamento della città acuendo una serie di problemi che si potranno risolvere solo con la completa percorrenza del ponte". Il presidente ha sottolineato il suo impegno e quello della regione Campania, per Capua e il territorio casertano, dicendo di essere sempre disponibile per un dialogo e una collaborazione con gli amministratori, così come è avvenuto per il progetto dei lavori del ponte, anche su altri temi come il piano urbanistico "che – afferma – è stato adottato ma non approvato".

Per Romano e il coordinamento cittadino del Pdl, la conferenza stampa, è stata l'occasione per ribadire la propria posizione nei confronti dell'attuale compagine amministrativa ma anche dell'Udc e del presidente Zinzi, in particolare sulla questione del gassificatore. Scelte che per Romano hanno influito sui risultati elettorali.

"In provincia di Caserta – ha detto – alcuni partiti, penso all'Udc, sono stati penalizzati dall'elettorato perché hanno portato avanti una azione politica e amministrativa non condivisa dai cittadini. In alcuni comuni anche il Pdl è stato penalizzato ed in particolare in quelle realtà dove erano presenti candidati del posto. Tutto questo, a mio parere, dovrebbe far aprire una seria riflessione".

GASSIFICATORE, RIFIUTI E TASSE

Romano sostiene che non è contrario all'impiantistica e che essa è indispensabile per il ciclo dei rifiuti ma, alla luce dei dati sulla produzione dei rifiuti nella nostra regione che sono in costante calo, i tre termovalorizzatori (Acerra, Napoli e Salerno) e il gassificatore (Capua) sono troppi. "Questa provincia e questa città – ha detto – hanno già fatto ampiamente la loro parte. Capua ospita un sito di stoccaggio di ecoballe e ha alle sua porte la discarica di Ferrandelle. Anche per questo, quando è stato redatto il piano, non ea previsto alcun impianto nel casertano. E' stata la provincia a proporlo. E' chiaro che si tratta di scelte politiche e amministrative che chi le persegue dovrà assumersi la responsabilità nei confronti dei cittadini". Romano ha sostenuto che il gassificatore non risolverà il problema dei rifiuti nel casertano "perché – ha detto – è della portata di 90 mila tonnellate a fronte di una produzione di 350 mila. Tutto il piano – ha proseguito – potrà essere rivisto in base alle nuove e mutate esigenze del territorio e portare ad un ridimensionamento dell'impiantistica. Una rivisitazionegià annunciata dall'assessore regionale all'ambiente". Prima dell'intervento di Romano è intervenuto il portavoce del Pdl Antonio Minoja che ha ripercorso le tappe che hanno portato il partito ad uscire dalla maggioranza per le note divergenze su temi quali l'ambiente e le finanze.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.