Il Pdl “attacca” e l’amministrazione “risponde”

Piazza dei Giudici - Cronaca

Marco RicciIl Pdl “attacca” e l’amministrazione “risponde”. E’ la prova dell’evidente e, forse, dell’irrimediabile frattura tra la compagine amministrativa e i berlusconiani capuani. “Ma quale dissesto e dissesto, il Pdl, con le sue posizioni, conferma ancora una volta di essere un partito irresponsabile nei confronti della città”. Questo il giudizio “a caldo” da parte del consigliere delegato alle finanze Marco Ricci a nome dell’intera amministrazione comunale. “Parlano – afferma – e non sanno quel che dicono, segno evidente che sono stati sempre lontani dall’attività amministrativa, preferendo fare, sin dall’inizio, opposizione che è la cosa più facile e semplice in questo momento. Il Pdl aveva criticato l’amministrazione per la mancata dichiarazione di “pre-dissesto” che avrebbe consentito al Comune di ottenere finanziamenti governativi anche se questo avrebbe comportato controlli automatici da parte della Corte dei Conti. Per il Pdl, sarebbe questo il vero motivo del mancato ricorso alla procedura “offerta” dal Governo Monti. “Tutto falso – afferma Ricci – semplicemente perché il Comune non sta andando verso il dissesto anzi. In questi mesi abbiamo intrapreso un azione amministrativa finalizzata da un lato a contenere drasticamente la spesa e dall’altra a far lievitare le entrate nelle casse comunali con i tributi. Grazie all’esternalizzazione del servizio di riscossione dei tributi alla Iap, ad oggi, abbiamo accertato oltre cinque milioni di evasione senza contare che abbiamo censito il patrimonio dei beni dell’ente che vale oltre 50 milioni di euro. Di fronte a queste cifre è assurdo parlare di dissesto. La Iap dal suo recente insediamento ha scovato 1082 nuclei familiari totalmente sconosciuti ai ruoli della tarsu e dell’Ici. Queste persone dovranno ora pagare anche i cinque anni pregressi. Grazie ad una serie di controlli satellitari sono state scovate situazioni di abusivismo con la presenza di capannoni e ad altre attività imprenditoriali completamente sconosciute e, quindi, con conseguente evasione di tarsu ed ici”. In quella che si potrebbe definire la “lista nera” sono finiti anche imprenditori e costruttori le cui proprietà non erano in regola o, in alcuni casi, addirittura sconosciute ai ruoli delle imposte. “Senza contare – proseguono Ricci – i 200 mila metri quadrati scovati, sempre dalla Iap. C’erano famiglie che abitavano in case di 200 metri quadrati e pagavano la tarsu per 100. Tutte situazioni che, alla fine, hanno pesato sulle casse comunali. Ora, grazie ai controlli, tutto questo si tramuterà in risorse economiche per l’Ente. Grazie alle maggiori entrate dei tributi i cittadini beneficeranno una sostanziale riduzione della tassa sui rifiuti”. Il consigliere Ricci non lesina critiche al partito berlusconiano. “L’amministrazione – afferma – sta ancora cecando di tamponare i disastri provocati dal Pdl che ha gestito negli ultimi anni importanti deleghe. Lo sport è allo sfascio con le strutture lasciate in abbandono, la mensa scolastica non è stata pagata con conseguente ritardo nell’inizio delle attività e abbiamo, inoltre, dovuto far fronte alla problematica dei libri scolastici. Questo è sotto chi occhi di tutti. Per quanto ci riguarda stiamo risanando le finanze tutelando la città perché se avremmo dichiarato il dissesto, anche se, ripeto, non ci sono le condizioni perché abbiamo attuato una politica rigorosa, a pagarne le spese sarebbero stati i cittadini con l’aumento al massimo delle imposte. Con la nostra azione, invece, puntiamo a ridurre le tasse locali”.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.