Banner

Mondragone / Carinola / Falciano del Massico: Sfruttamento dei lavoratori e caporalato: dopo sei arresti arriva sequestro per tre milioni di euro

Finanza 160920Per due imprenditori agricoli, ritenuti responsabili di sfruttamento del lavoro, è scattato il divieto di dimora in Campania e Lazio nonché l'interdizione all'esercizio di attività d'impresa per 12 mesi. L'ordinanza, eseguita dalla Guardia di finanza di Caserta, è stata disposta dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale procura. Le ditte operavano nel territorio di Carinola e di Falciano del Massico.

Sottoposti a sequestro preventivo due complessi aziendali, beni mobili e immobili, per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro, tra cui, disponibilità finanziarie per circa 450mila euro. Sequestrati anche quattro terreni sui quali era stata accertata l'attività lavorativa svolta in condizioni di sfruttamento.

Secondo quanto emerso dalle indagini dirette dalla procura sammaritana, gli imprenditori si avvalevano dell'intermediazione illecita di diversi "caporali", già arrestati nell'ambito della stessa indagine, che reclutavano quotidianamente decine di cittadini, per lo piu extracomunitari, in stato di bisogno ed in condizioni di sfruttamento, per la raccolta di prodotti agricoli su terreni della provincia di Caserta. Intercettazioni e servizi di appostamento avevano reso possibile acquisire elementi probatori a carico di sei intermediari, sottoposti a misure restrittive nel 2018. Le ulteriori indagini, condotte dai finanzieri di Mondragone, hanno confermato la gravità e la diffusione di un fenomeno che alimenta il lavoro nero creando lo sfruttamento dei lavoratori e dell'intero sistema economico, condizionato dalla concorrenza sleale di chi abbatte i costi della manodopera. ( by Askanews )

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.