Ordigni bellici alla stazione - Antropoli vieta i fuochi e i botti per le festività natalizie

Piazza dei Giudici - Cronaca

Rischio esplosione per gli ordigni bellici rinvenuti presso l'area della stazione ferroviaria di Capua. A causarla, con conseguenze gravi per tutta la zona, potrebbero essere i botti di "Capodanno" e quelli che, come da consuetudine, vengono fatti esplodere durante le festività natalizie. Così il sindaco è corso ai ripari ed ha disposto di non utilizzare prodotti pirotecnici, anche se di libera vendita, nell'area della tratta ferroviaria Roma-Napoli ricadente nel territorio di Capua. Antropoli ha disposto, inoltre, il divieto assoluto per tutti i residenti di via Andrea De Simone, le cui abitazioni affacciano sul lato della tratta ferroviaria Roma-Napoli, di lanciare petardi, razzi ed altri articoli esplodenti dalle finestre e balconi prospicienti la ferrovia. Il problema, ora, è far conoscere e, soprattutto far rispettare l'ordinanza. Non vorremmo, infatti, che ne nell'euforia dei festeggiamenti della notte di San Silvestro, tra un morso al panettone, un bicchiere di champagne ed una tombolata, spunti fuori qualcuno che, ignaro del divieto, accenda un bengala e, come in una scena degna dei film di Fantozzi, scoppi la tragedia. Dell'ordinanza sono stati informate numerose autorità come il Prefetto di Caserta, il questore, i comandi provinciali di carabinieri, corpo forestale dello Stato e vigili del fuoco. Del provvedimento è stata informata anche la Centrale operativa del 118 oltre i dirigenti delle ferrovie e, naturalmente, i cittadini più "esposti", cioè quelli residenti in via De Simone. Le operazione di rimozione degli ordigni bellici, rinvenuti nel corso di alcuni importanti lavori per l'installazione di barriere antirumore, nell'area del parcheggio interno alla ferrovia, stanno procedendo secondo un calendario stabilito da tutte le autorità coinvolte in una recente riunione in prefettura. I lavori di scavo sono iniziati la primavera scorsa e sono stati immediatamente bloccati dopo il rinvenimento degli ordigni. Le attuali operazione sono finalizzate alla bonifica dell'area con l'impiego di tecnici specializzati e personale dell'esercito italiano munito di apposite attrezzature. Il materiale bellico, una volta portato in superfice, viene trasportato in alcuni siti del litorale domitio per essere neutralizzato. Quasi sicuramente si tratta di residui della Seconda guerra mondiale. La ferrovia, del resto, era sicuramente un obiettivo strategico nel corso della guerra ed è stata particolarmente presa di mira dalle forze alleate che combattevano i tedeschi in ritirata. Durante gli scavi, oltre agli ordigni, è stato rinvenuto diverso materiale ferroso tra cui binari e ruote dei treni.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.