Terreno gassificatore, è duello tra la Picierno e Antropoli

Piazza dei Giudici - Cronaca

gassificatore.jpgDuello a distanza tra la deputata Pina Picierno e il sindaco Carmine Antropoli. La parlamentare sostiene l'illegittimità degli atti prodotti dall'amministrazione comunale per la realizzazione del gassificatore ed in particolare evidenzia che il terreno messo a disposizione per l'impianto, ubicato al confine con Vitulazio e oggetto di una convenzione con la Gisec (il braccio operativo della Provincia di Caserta per l'impiantistica del il ciclo dei rifiuti), non è di proprietà dell'ente. "Tale terreno – afferma - risulta essere di proprietà della ASL Napoli 1 e non del Comune di Capua che avrebbe dovuto dimostrare e documentare la proprietà del fondo, come avviene prima di ogni vendita di beni soggetti a trascrizione. Il fondo in località Molinella, difatti, era stato trasferito dalla Regione Campania all'ASL Napoli 1". Tutto nella regola, invece, per il primo cittadino. "Il terreno – dice – è nostro ed è stato acquisito a norma di legge. C'è anche una delibera in tal senso contro la quale nessuno, ne tanto meno la regione, ha operato ricorso. La Picierno, dopo cinque anni di completa assenza dal territorio, si occupa di Capua e lo fa senza leggere le carte. Mi dispiace che tale iniziativa sia stata anche condivisa da concittadini che così provocano un danno alla città visto che si tratta di un bene di proprietà comunale". Il riferimento del sindaco va, probabilmente, agli attivisti dei movimenti e delle associazioni locali che si sono schierate contro l'impianto e che, probabilmente, hanno chiesto l'intervento della deputata.  

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.