Tombe profanate a Maddaloni, parlano i parenti delle salme

Cronaca

I familiari delle salme profanate al cimitero di Maddaloni parlano ai microfoni di Emilio Di Cioccio di Julienews.it. Sotto shock per l'accaduto e in lacrime per il drammatico ritrovamento, la signora Antonella Santonastaso ha spiegato al responsabile di Casertalive i motivi per i quali quelle salme si trovassero all'interno della sala per la riesumazione, all'esterno della quale riecheggia la scritta "Becchini". "Per motivi burocratici – spiega – era stato ritardato il trasferimento al cimitero di Casagiove. Poi questo inspiegabile ritrovamento".
Durante il sopralluogo delle telecamere di Julie Italia – le uniche che sono riuscite a filmare in ogni angolo la stanza degli orrori – sono emersi alcuni particolari sulle indagini portate avanti dagli agenti del locale commissariato di polizia. Gli inquirenti starebbero chiarendo anche la coincidenza che ha portato quattro ex precari – licenziati recentemente - al rinvenimento dei cadaveri. Tra le piste seguite ci sarebbe anche l'assenza di un necrofilo nel camposanto di Maddaloni o un eventuale dispetto a parenti delle persone decedute.
Da tre anni si ripetono i raid all'interno della struttura. Per questo il consigliere comunale Luigi Bove ha chiesto, ai microfoni di CasertaLive, la chiusura del cimitero per gravi carenze igienico-sanitarie".
L'intero servizio può essere visionato sul sito www.julienews.it (Sezione provincia)

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.