Capua. CGIL Caserta, chiede spiegazioni al coordinatore prov. Giovanni Guarino della Flaica CUB

CGILPubblichiamo integralmente il comunicato pervenutoci dalla CGIL Caserta:

 

"Chiediamo a Capuaonline la Cortesia di pubblicare quanto segue per chiarire tre punti che ci chiamano in causa dal sig. Guarino Giovanni della Flaica cub.

In premessa, occorre ricordare che un Comunicato Stampa è dell’Organizzazione Sindacale e non della persona che firma per conto della stessa . In quel comunicato si segnalano le questioni di carattere sindacale che riteniamo discutibili e quindi non comprendiamo a che scopo vengono tirati in ballo famigliari ed amici a cui possiamo solo augurare pace e tutte le fortune di questo mondo.
Considerato che, il sig. Guarino si sente tirato in causa dal nostro comunicato e sostiene che il suo operato di trasparenza, legalità e coerenza, farebbe paura alla nostra organizzazione Sindacale , ci preme evidenziare e sapere tre cose.
1. In nome della trasparenza, chiediamo la cortesia che il Guarino Giovanni chiarisse quali titoli, quale bando di selezione e quale criterio ha fatto si che in poco tempo passasse da operatore ecologico ad impiegato tecnico e dal secondo livello contrattuale al 4° livello, e addirittura dal 4° al 5° livello contrattuale con parametrazione “A”, che scatta dopo cinque anni di permanenza nello stesso livello contrattuale, e quindi riconosciuto in pieno contrasto con le regole dettate dal CCNL.
Non abbiamo potuto vedere la sua busta paga poiché non viene allegata, ma solo da lui menzionata. Se Guarino intende smentire quanto da noi evidenziato, non pubblichi solo l’ultima busta paga, ma anche quelle in cui era dipendente della Rent Line srl e della Giemme Ambiente srl. Se non sono più in suo possesso, ci dia il permesso, poiché, non dovremmo avere problemi a reperirne qualcuna ed a farla pervenire a questa testata, così tutti potranno accertare che percepiva ad personam!!!
2. Per quanto attiene alla legalità, chiediamo al signor Guarino di spiegarci se è legalità avviare uno sciopero di dieci giorni, tenere sotto scacco un’amministrazione Comunale per mandare via la società Giemme Ambiente srl, che gestiva l’appalto rifiuti a Capua. In quel frangente, bloccare una strada provinciale per non permettere ad una società terza di pulire il paese e costringere i poveri cittadini di Capua a convivere per giorni con un’ emergenza rifiuti. Successivamente, ritrovarsi legittimamente licenziato insieme a diversi lavoratori che l’avevano seguito, salvo poi ritrattare con scritture private di rinuncia delle spettanze pregresse, al fine di essere inseriti negli elenchi degli aventi diritti a transitare alla nuova azienda, che allora era il Consorzio Sinergie.
Considerato che questi eventi sono stati ampiamente vagliati da chi è preposto, ed a conoscenza di questa testata che ne ha pubblicato video e comunicati, ci interessa solo evidenziare che successivamente, fu questa Organizzazione a richiedere ed a fare assumere tutto il personale, compreso Guarino, precedentemente transitato dalla Rent Line, non tenendo conto delle cufecchie compiute dal e con la Giemme Ambiente, che
aveva inviato quattro elenchi di personale uno diverso da un altro, man mano che raggiungeva accordi privati con i lavoratori licenziati. Siccome siamo convinti che, in quella circostanza nel condannare lo sciopero e nel tutelare i lavoratori abbiamo fatto solo quanto di nostra competenza, non vogliamo un grazie, ma chiedere al sig. Guarino  quale organizzazione sindacale operò nella piena legalità, indipendentemente se fosse stata la nostra o quella di cui lui allora ne era rappresentante.
3. Il merito alla coerenza sindacale del sig. Guarino, da quanto ne sappiamo, e se non ci è sfuggito qualcosa, lui si iscrive alla CGIL agli inizi della sua vita lavorativa, seguendo le orme del padre a cui va “tutta la nostra stima e ammirazione sindacale”.
Successivamente transita alla Fiadel di Caserta, dove rimane iscritto per un biennio. Poi ritorna per due mesi semplice iscritto CGIL. Dopo due mesi transita alla CISL con incarichi di coordinamento. Lascia la CISL per transitare alla Filas. Poi ripassa di nuovo con la CiSL e nel contempo chiede di passare con la UIL. Vedendosi negare il passaggio, riprova con la CGIL, facendoci chiamare dai suoi fedelissimi e inviandoci
sms di stima. Raccolto in merito il nostro invito di cercare ospitalità altrove, ci fa molto piacere che abbia finalmente trovato la sua coerenza con la Flaica Cub, gli auguriamo di restare suo rappresentante per tutta la vita e di non continuare a spaventarci con il suo operato.
Infine, per quanto riguarda le vertenze in atto, siccome abbiamo già segnalato cosa intendiamo fare per risolvere le problematiche del Cantiere di Capua e del dramma degli undici lavoratori non assunti, ringraziamo la testata giornalistica di Capuaonline per la sua pazienza e la sua ospitalità"

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.