Presentato il libro sulla cronaca civile e militare delle Due Sicilie

salemi_giovanni.jpgE' stato un grande successo di pubblico, la presentazione del libro "Cronaca civile e militare del Regno delle Due Sicilie sotto la dinastia borbonica", riedizione della cronaca scritta, nel 1857 da Monsignor Luigi Del Pozzo, e curata e aggiornata negli anni dal 1857 al 1861, dallo storico Francesco Maurizio Di Giovane. Organizzata dal Commendatore Giovanni Salemi, Presidente dell'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie, l'incontro si è svolto presso la libreria Guida di Capua. Fortemente voluto dal giovane editore Vincenzo D'Amico, e con l'ausilio del Past President dell'Associazione Ex Allievi Nunziatella, Giuseppe Catenacci, questa nuova edizione della Cronaca del Del Pozzo, consente alla folta platea di appassionati e patrioti di ripercorrere le vicende del Regno delel Due Sicilie e scoprire, giorno per giorno, dal 1734 al 1861, le tante verità occultate e mascherate dalla storiografia ufficiale. "Incalzati" dalle domande del Direttore de il Giornale del Sud, Roberto Della Rocca, si sono ripercorsi alcuni tratti della vita del Regno delle Due Sicilie poco noti. La grande questione della fine del Regno, l'apparato militare, le tanto bistrattate ferrovie, la questione scolastica, le eccellenze industriali, la politica estera e i fatti del 1848-49. Molto interessante anche il dibattito che si è concluso con la consapevolezza che la storia del Regno nel 1861 si è soltanto interrotta e non è ancora finita...

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.