Rifiuti a Capua, la Cisl sul nuovo bando di gara

Piazza dei Giudici - Ambiente

Cacisl nuovologopua, Grazzanise e Santa Maria La Fossa hanno deciso di consorziarsi per l'appalto del servizio di raccolta dei rifiuti. Il bando c'è, ma i sindacati lo contestano. La Cisl, attraverso il referente territoriale Giovanni Guarino, chiede delle modifiche. Perché?

Da premettere che siamo in disaccordo su diversi punti del bando di gara, ma quello che più di altri emerge è la palese violazione dell'art.6 del contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria, per intenderci quello che regolamenta il trasferimento del personale dipendente e la relativa parte normo-economica, infatti nella Relazione Tecnico-Economica allegata al bando di gara, al paragrafo che riguarda il costo del personale si descrive una pianta organica diversa da quella che è nella realtà, per numero di dipendenti e livelli di inquadramento, infatti vengono elencati 15 autisti suddivisi in 2 diversi livelli, ma ancor più grave risultano 66 dipendenti mentre l'attuale pianta organica totale e di 77 dipendenti. Inoltre l'attivazione dell'articolo 7 del contratto nazionale di categoria (quello che consente una diminuzione dei livelli e, quindi, delle retribuzioni) è una prerogativa aziendale utilizzabile per gli stati di crisi mentre il committente l'ha inserita a priori nel bando di gara.

Il fatto che nel bando non sono stati inseriti 11 posizioni organiche cosa comporterà per gli undici lavoratori reintegrati dal giudice?
Comporterebbe l'esclusione provvisoria degli 11 lavoratori che senz'altro saranno nuovamente reintegrati più rapidamente dal Giudice del Lavoro il quale non farà altro che rileggere la precedente sentenza e convalidare il reintegro, le complicazioni a quel punto saranno le ricadute, che l'aumento del costo del personale, assumerebbe a sfavore delle 66 unità già transitate, ricorrendo obbligatoriamente ad accordi di solidarietà inevitabili per sostenere tutti i livelli occupazionali.
Come sono suddivisi attualmente i lavoratori sui tre cantieri?
A Capua ci sono 51 dipendenti con orario full-time, a Grazzanise 20 dipendenti con orario part-time per 24 ore settimanali ed infine a Santa Maria La Fossa 6 dipendenti orario full-time. E' fatto ovvio che i dipendenti del cantiere di Grazzanise, ignari di cosa può accadere, sono in attesa dell'aggiudicazione per veder trasformato il proprio contratto da part-time a full-time.
Con la nuova gara di appalto cosa cambierà per i lavoratori? E quali saranno i risvolti dal punto di vista economico?
Come detto, quello che evince dalla Relazione Tecnico-Economica difficilmente si potrà ottenere un servizio efficiente e bene organizzato, come il rispetto della normativa sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro credo che sarà la prima ad essere accantonata, qualora rientrassero le 11 unità, il costo del personale assumerebbe un'alterazione e di conseguenza anche le spettanze sarebbero a rischio.
Una "rimodulazione" dei livelli non è stata già avviata con l'attuale azienda? Questo, in pratica, non "anticipa" quello che prevede il bando di gara?
Con l'attuale azienda ci eravamo impegnati a trovare soluzioni condivise allo scopo di fronteggiare l'assorbimento legittimo degli 11 dipendenti anche attraverso la ristrutturazione aziendale, ma dopo appena un mese abbiamo appreso la pubblicazione della gara di appalto da parte dei comuni associati tra cui Capua e questo a sospeso tutte le iniziative che si stavano studiando.
La Cisl su questa vicenda ha preso posizione, ma c'è unità di intenti con gli altri sindacati? E quali iniziative intraprenderete nei prossimi giorni?
Si c'è unità infatti, congiuntamente alle segreteria provinciali di CGIL e UIL abbiamo proclamato lo stato di agitazione sicuri di un intervento da parte della prefettura, nei prossimi giorni seguiranno svariate assemblee per sensibilizzare e informare meglio i lavoratori.
Quali sono i tempi per il nuovo affidamento con banda di gara?
I tempi precisi non si conoscono ma di sicuro faremo valere le nostre istanze.
Il cantiere di Capua è stato, spesso, oggetto di critiche da parte del sindacato, in particolare del vostro, per una serie di carenze. Com'è ora la situazione?
Al momento non vi sono significativi ed evidenti cambiamenti riguardo al cantiere e considerato il breve lasso di tempo condizionato dall'affidamento all'azienda abbiamo richiesto di sottoporre a visita medica e di consegnare abiti da lavoro a tutti i lavoratori nel rispetto della normativa vigente, l'azienda ha risposto positivamente.
Ci sono ancora vertenze aperte con le precedenti aziende? E quali sono?
Ci sono vertenze legate al Consorzio Unico di Bacino riferite alle liquidazioni non corrisposte ai lavoratori dal 2009, stesso discorso per la Ecological Service con la differenza che la stessa fallendo ha consentito ai lavoratori di attingere al Fondo di Garanzia all' Inps ed il 19 febbraio avremo l'esito da parte del Giudice delle proposte espresse dal liquidatore fallimentare, diversamente per quanto riguarda la Rent Line vantiamo spettanze di fine rapporto, stipendio di luglio e trattamento di fine rapporto. Pochi giorni fa si è tenuta una riunione presso la Direzione Territoriale del Lavoro di Caserta chiusa negativamente, ma aggiornata al 28 ottobre, in quella occasione sapremo qualcosa di certo.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.