Il M5S attacca l'amministrazione sul gassificatore. E sulla differenziata dice: "Un fallimento"

Piazza dei Giudici - Ambiente

Movimento 5 stelle logoIL Movimento 5 Stelle di Capua prende posizione sulla vicenda del gassificatore e critica le scelte fatte dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Carmine Antropoli e dall'amministrazione provinciale di Domenico Zinzi.

"L'attuale amministrazione comunale di Capua e la provincia di Caserta  - afferma il Movimento 5 Stelle di Capua in un comunicato - pur non godendo del consenso popolare si ostinano nel perseguire il loro disegno di realizzare un'opera che porterà solo danni alla collettività. Tra un anno esatto il comune di Capua dovrà eleggere un nuovo Sindaco e la provincia di Caserta sarà declassata a semplice organo d'ufficio! Com'è possibile allora che due enti, ormai a fine mandato, possano vincolare le nostre scelte future per i prossimi 20 anni e oltre? Com'è possibile, che tale scelta si posta nelle mani degli stessi soggetti che hanno determinato il fallimento della nostra raccolta differenziata? Basti pensare che mentre la vicina Santa Maria Capua Vetere nel 2013 ha raggiunto il 46% di raccolta differenziata, la nostra città resta ferma al 35% da oltre 4 anni. Registrando, anzi, un peggioramento nel biennio 2012/13 rispetto al precedente 2010/2011. Com'è possibile che i responsabili di questo passo indietro, che sono solo stati capaci di proclami ed aumenti della tassa per lo smaltimento dei rifiuti, abbiano ancora voce in capitolo? Come mai la Provincia non si attiva per la messa in funzione dell'impianto di compostaggio posto a San Tammaro? Impianto per il quale le collettività ha sborsato svariati milioni di euro e che potrebbe, da solo, coprire l'intero fabbisogno della Provincia di Caserta. Perché, ancora oggi, nonostante questa struttura, paghiamo profumatamente per spedire e smaltire in altre regioni la nostra frazione umida? Bisogna modificare il piano regionale dei rifiuti,"è l'Europa che lo chiede!" Gli studi dell'Agenzia Europea per l'Ambiente (EEA) hanno evidenziato che tra qualche anno saremo a corto di materie prime (alluminio, rame, vetro etc.) e che la RD (raccolta differenziata) diventerà essenziale per i nostri approvvigionamenti. Inoltre, la direttiva 2008/98 CE ha declassato l'incenerimento dei rifiuti all'ultimo posto, accanto alla discarica, nella gerarchia delle priorità: semplice "smaltimento finale" di quanto non si può recuperare in nessun altro modo. Entro il 2020 bisogna raggiungere l'obiettivo di rifiuti zero. Il sindaco di Capua dovrebbe conoscere molto bene la strategia "Rifiuti Zero", visto che il 4 novembre scorso abbiamo invitato qui a Capua l'ideatore della teoria rifiuti zero, il prof. Paul Connett, che durante una conferenza nella sala consiliare del comune di Capua ha illustrato i 10 punti fondamentali della strategia rifiuti zero: 1-Separazione alla fonte, 2- Raccolta porta a porta, 3-Compostaggio, 4-Riciclaggio, 5-Riduzione dei rifiuti, 6-Riuso e riparazione, 7- Tariffazione puntuale, 8-Recupero dei rifiuti, 9-Centro di ricerca e riprogettazione, 10-Azzeramento rifiuti. La città di Bacoli (in provincia di Napoli) ha lavorato duramente negli ultimi anni per applicare alla lettera i dieci punti di 'Rifiuti zero' e attualmente viaggia ad una percentuale di differenziata dell'79% (fonte osservatorio Regionale dati anno 2013) e nel 2020 raggiungerà il 100%. Quindi non è un sogno..."

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.