Gassificatore- Comitato e forze politiche "trasversali" ribadiscono il "NO" allo "scempio"

Piazza dei Giudici - Ambiente

gassificatoreUn secco "no" alla realizzazione del gassificatore, impianto avallato dall'amministrazione comunale guidata da Carmine Antropoli e da quella provinciale di Domenico Zinzi arriva nuovamente dal Comitato che in città ha raccolto oltre 4000 firme di dissenso. Il Comitato di cui fanno parte, tra gli altri, il Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà e Rifondazione Comunista, alla luce delle nuove iniziative annunciate dalla Provincia in merito alla gara di appalto, è ritornato a farsi sentire con un documento condiviso da altre forze politiche come il Nuovo Centro Destra e dai consiglieri comunali Antonio Gucchierato (centrosinistra), Pasquale Frattasi (indipendente), Antonio Minoja e Carmela Del Basso (Ncd).

Ecco il testo del documento:
"In questi giorni si è avuta la notizia che l'ineffabile duo Zinzi - Di Natale (rispettivamente Presidente della Provincia di Caserta e Commissario straordinario per la realizzazione del gassificatore della provincia di Caserta) ha sollecitato il Provveditorato alle OO.PP. a definire un crono programma per la pubblicazione del bando per la realizzazione, sul territorio di Capua, dell'impianto di gassificazione della Provincia di Caserta.
È appena il caso di ricordare che contro la costruzione di questo impianto, nei mesi successivi all'avvio della relativa procedura amministrativa, si sono espressi tutti i consigli comunali dei comuni limitrofi, nonché cittadini organizzati in associazioni e movimenti del territorio.
Il Comitato nato nella nostra Città non si è limitato solo a forme di protesta, pur articolate e diffuse, come testimonia la raccolta di oltre 4000 firme di dissenso, ma ha prodotto anche una documentata e puntuale analisi dell'intero procedimento amministrativo condotto dal Commissario, le cui risultanze sono state presentate nel corso di un'audizione presso la commissione trasparenza della regione Campania al termine della quale lo stesso assessore all'ambiente della regione Campania, preso atto della validità delle osservazioni avanzate, ha rilevato:
• l'inutilità dello stesso impianto, alla luce delle ridotte esigenze impiantistiche che sarebbero state previste dal nuovo Piano Regionale dei Rifiuti;
• l'inidoneità del terreno su cui l'impianto si sarebbe dovuto realizzare rispetto ai requisiti previsti dal Piano regionale;
• consistenti dubbi circa la disponibilità del terreno a causa della controversa e contestata proprietà del medesimo.
Rispetto a quest'ultimo punto, permanendo l'incertezza circa l'effettiva proprietà del terreno, è inficiata anche la procedura di esproprio avviata, nell'autunno scorso, dal commissario Di Natale avverso la quale abbiamo prodotto osservazioni e richieste di chiarimenti scritti alle quali non è stata data alcuna risposta.
Da quella data nulla è cambiato.
Piuttosto risultano confermate le previsioni di una riduzione strutturale, ovvero non dovuta solo a fenomeni contingenti (quali la crisi economica), nella produzione di rifiuti e anche di migliori risultati nella raccolta differenziata dovuti ad un'accresciuta sensibilità dei cittadini campani rispetto ai temi ambientali.
Alla luce di quanto riportato risultano incomprensibili le motivazioni di tale pervicace insistenza nel voler procedere alla realizzazione di un progetto così scellerato.
E allora le domande che poniamo al Presidente della Provincia di Caserta Domenico Zinzi ed al Commissario Di Natale sono le seguenti:
nell'interesse di chi si programma la costruzione di un impianto che è stato dichiarato "non utile" dalla stessa autorità cui compete la gestione del ciclo dei rifiuti e cioè dall'Assessorato Regionale all'Ambiente?
E perché si insiste nel voler costruire questo impianto su un sito che è stato dichiarato con ogni evidenza non idoneo ad accogliere tale tipologia di impianto?
Infine appare incomprensibile il motivo per cui si avverte l'esigenza di forzare i tempi pur sapendo che le Province sono destinate allo scioglimento e cmq non avranno più competenza su questa materia.
Siamo stati, siamo e saremo contrari fermamente alla realizzazione di questo scempio nella nostra città ed anche altrove.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.